giovedì 15 dicembre 2011

Trenitalia taglia i treni notturni. E a Milano parte una protesta a oltranza

http://www.ilfattoquotidiano.it - Dal 12 dicembre in Italia ci sono 800 disoccupati in più. Sono i lavoratori delle società di gestione, manutenzione e pulizia dei Wagon Lits, i treni notturni, lasciati a piedi da Trenitalia. Agostino Palumbo, uno degli 800 lavoratori in presidio continuo alla Stazione Centrale di Milano, spiega che "un servizio dall'importante impatto sociale viene sostituito con regolari corse dei treni Frecciarossa". La protesta, con l'occupazione da parte di 3 lavoratori di una torre-faro sui binari della Stazione, giunta al quinto giorno, "ha avuto inizio grazie all'iniziativa dei nostri compagni che hanno deciso questa forma estrema di protesta, la cui determinazione ha poi coinvolto tutti noi per cui resteremo al loro fianco anche a Natale, capodanno e l'Epifania, fino a che non ci verrà restituito il lavoro" di Giovannij Lucci

Nessun commento:

Posta un commento