giovedì 5 gennaio 2012

Non si può amare un ricordo

in questa (ennesima) notte mezza insonne voglio condividere questo pensiero: non si può amare un ricordo. mi riferisco a quanti si struggono per l'amato o amata che si sono sottratti al loro amore.
ebbene, in assenza di una relazione "viva" è sbagliato parlare di amore. quello è il ricordo dell'amore, non l'amore. è il ricordo della persona amata, che continua a vivere nell'incessante fluire del tempo e dello spazio in cui noi non siamo più.
insomma, quanto sono inutili certe pene d'amore (se solo potessimo guardarle dall'esterno!).
quello che spesso - a mio avviso - si scambia per amore è un insieme di: malinconia, solitudine, orgoglio ferito, amor proprio ferito pure quello.
l'amore si coltiva ogni giorno, come una pianta, su cui si toccano con mano i segni della nostra assenza o noncuranza. non esiste l'amore per sempre, perché il per sempre si costruisce ogni istante. sembra retorica, ma non lo è. è vita vissuta.

Nessun commento:

Posta un commento