mercoledì 29 febbraio 2012

il bene non fa rumore

Questo post è legato ad una mobilitazione di blogger, aderisco all'iniziativa pur non considerandomi una blogger in senso stretto. 
Il blogging day #freeRossellaUrru è dedicato a una giovane donna prigioniera da ottobre in un paese dove presta servizio per una ONG (tutte le informazioni sul blog della famiglia di Rossella http://www.rossellaurru.it).

Rossella è uno dei tanti "operatori di pace" sparsi per il mondo, esercito silenzioso della cui esistenza e attività veniamo a conoscenza quando sono vittime di attentati o sequestri, quando sono in pericolo di vita, un po' come accade con parti del corpo di cui ignoriamo l'esistenza o il nome finché non si inceppano o si ammalano.
Perché il bene, appunto, non fa rumore.


Questa mobilitazione non è solo per Rossella, ma per tutti quelli  che come lei hanno scelto un mestiere difficile, delicato, complesso e rischioso.
Io li ammiro molto, e un po' li invidio: il volontariato mi ronza dentro da una ventina d'anni... ma poi non l'ho mai fatto, le ragioni sono diverse ma questo non è il post giusto per trattare il tema.
Oggi il nostro pensiero va a Rossella e agli angeli invisibili e silenziosi che a volte restano intrappolati dalla cattiveria e dall'indifferenza, in paesi di cui ci arriva un'eco lontana in telegiornali che scegliamo di guardare o articoli che scegliamo di leggere. 

Poi cambiamo canale, e quelle situazioni restano lì, tutte da affrontare.


L'elenco dei blogger che aderiscono all'iniziativa qui http://sabrinaancarola.blogspot.com/2012/02/appello-tutti-i-blogger.html

Gli hashtag per seguire la giornata su twitter #freeRossella #freeRossellaUrru


domenica 26 febbraio 2012

la libertà è tutto

Easy Rider, 1969

George: Ah no, quello che voi rappresentate per loro è la libertà.
Billy: Che c'è di male nella libertà? La libertà è tutto.
George: Ah si, è vero, la libertà è tutto, d'accordo, ma... parlare di libertà ed essere liberi sono due cose diverse. Voglio dire che è difficile essere liberi quando ti comprano e ti vendono al mercato... e bada non dire mai a nessuno che non è libero, perché allora quello si darà un gran daffare a uccidere, a massacrare per dimostrarti che lo è. Ah certo, ti parlano e ti parlano e ti riparlano di questa famosa libertà individuale, ma quando vedono un individuo veramente libero, allora hanno paura.
Billy: La paura però non li fa scappare.
George: No, ma li rende pericolosi.






giovedì 23 febbraio 2012

l'italiano medio

Se state leggendo questo post è probabile che apparteniate a una minoranza: non avrete un suv, non ostenterete ricchezze, anzi se ne avete forse le celate, non urlate per la strada, non cercate facili attenzioni e non parlate a vanvera.
Ancora una volta dissento con Gramellini che oggi ci regala un Buongiorno snob, dal titolo "La buona ricchezza" .
E' vero  che l'attuale governo tecnico è (per certi versi) di rottura rispetto al precedente, e che il morigerato e pacato Monti sembra un prelato rispetto al sanguigno e sboccato Berlusconi. Eppure quello ha governato per 20 anni e le sue televisioni commerciali guidano (governano) da 30 anni gusti, usi e malcostumi di una piccola Italietta che lo ha preso a modello: donne, ricchezza, potere... what else?
Apprezzo la misura e persino lo humour britannico di Monti eppure non dissento troppo dal berlusconiano lettore di Gramellini: cio' che è evidente e sfacciato per certi versi è anche prevedibile e rassicurante.
Oggi temo di più i sorrisi robotici della ministra Fornero, le cui lacrime a inizio mandato mi commossero e la cui fermezza oggi mi raggela (si veda per esempio qui).
E' vero che la politica deve fare anche scelte impopolari, ma il governo dei tecnici e dei banchieri sta proteggendo i grandi interessi. Solo che oggi nessuno parla di conflitto di interesse. ahimè, ahi noi





lunedì 13 febbraio 2012

Gli altri siamo noi

Nessun uomo è un'isola, intero per se stesso. Ogni uomo è un pezzo del continente, una parte della terra. Se una zolla viene portata dall'onda del mare, l'Europa ne è diminuita, come se un promontorio fosse stato al suo posto, o una magione amica, o la tua stessa casa. Ogni morte di uomo mi diminuisce perché io partecipo dell'umanità. E così non mandare mai a chiedere per chi suona la campana: essa suona per te.
(John Donne)

poveri coloro che si ritengono al riparo dalle altrui disgrazie

il pensiero va alle vittime di terremoti e disastri vicini e lontani, a quelli che partono per una crociera e si inabissano nell'oscurità, alle vittime di guerra e a chi resta, a quelli che perdono il lavoro, a quelli che un lavoro nemmeno ce l'hanno, agli umiliati e offesi che popolano le nostre moderne metropoli, i cui sguardi nemmeno sopportiamo, ai malati di malattie conosciute e non, che tanto pensiamo non ci toccano e mai ci toccheranno, alle nostre case riscaldate d'inverno e rinfrescate d'estate, alle nostre tante inutili sicurezze, che tanto prima o poi qualcosa interviene a demolirle


giovedì 9 febbraio 2012

buona la prima

la vita è un'interrogazione continua
per cui non si è mai abbastanza preparati

felicità & follia



geniale no? ... e simpa :D

bastone & bocconcino

E' mai possibile mi dico che questo paese resti inerme e innocuo come un cane stupido, che accetta dal padrone in egual misura bastonate e bocconcini?