giovedì 23 febbraio 2012

l'italiano medio

Se state leggendo questo post è probabile che apparteniate a una minoranza: non avrete un suv, non ostenterete ricchezze, anzi se ne avete forse le celate, non urlate per la strada, non cercate facili attenzioni e non parlate a vanvera.
Ancora una volta dissento con Gramellini che oggi ci regala un Buongiorno snob, dal titolo "La buona ricchezza" .
E' vero  che l'attuale governo tecnico è (per certi versi) di rottura rispetto al precedente, e che il morigerato e pacato Monti sembra un prelato rispetto al sanguigno e sboccato Berlusconi. Eppure quello ha governato per 20 anni e le sue televisioni commerciali guidano (governano) da 30 anni gusti, usi e malcostumi di una piccola Italietta che lo ha preso a modello: donne, ricchezza, potere... what else?
Apprezzo la misura e persino lo humour britannico di Monti eppure non dissento troppo dal berlusconiano lettore di Gramellini: cio' che è evidente e sfacciato per certi versi è anche prevedibile e rassicurante.
Oggi temo di più i sorrisi robotici della ministra Fornero, le cui lacrime a inizio mandato mi commossero e la cui fermezza oggi mi raggela (si veda per esempio qui).
E' vero che la politica deve fare anche scelte impopolari, ma il governo dei tecnici e dei banchieri sta proteggendo i grandi interessi. Solo che oggi nessuno parla di conflitto di interesse. ahimè, ahi noi





Nessun commento:

Posta un commento